Tutta Malta da Nord a Sud

In Viaggi by pcblog1 Comment

Hai mai pensato qualche volta di abbondare tutto per una settimana e fuggire in un’altra nazione per staccare la spina dalla solita monotonia che ti affligge quotidianamente?
“Ovvio che mi piacerebbe, ma li sordi?La distanza?” Sarebbero le domande più classiche, ma non esiste risposta più decisa e scontata: Malta. Un gioiello incastonato nel cuore del Mar Mediterraneo, all’altezza della Tunisia e a meno di due ore di barca dalla Sicilia e, se ci pensate, più vicino di Lampedusa, in quel mare che tante volte si è dipinto di rosso…
“Si ma come c’arrivo? Chissà dove devo prendere l’aereo; è troppo lontano poi io c’ho paura di volare!”
Malta è facilmente raggiungibile da molti aeroporti italiani (Alitalia fa la tratta da Roma Fiumicino). L’aeroporto principale (e probabilmente l’unico) è quello di Luqa, nel cuore dell’isola, ma non molto distante dalla capitale, La Valletta.
Se invece siete amanti delle auto vi consiglierei di uscire dal garage e percorrere tutta la cara Penisola (armatevi di tanta pazienza, specialmente per il tratto Messina-Catania) fino a raggiungere Pozzallo, un piccolo centro da dove parte quotidianamente un catamarano enorme che collega la cittadina siciliana con la capitale maltese.
Arrivati qui si può procedere in tre modi diversi che dipendono dall’ubicazione dell’alloggio da voi prenotato: a piedi, con i bus o prenotando un taxi (non molto costosi in base alla mia esperienza).
Poiché questo è il mio primo articolo qui sul forum avevo pensato di suddividerlo come gli altri, in una specie di diario, ma ripensandoci preferisco organizzarlo in città e fasce geografiche.La capitale: La Valletta…e la Cottonera

 

“Valletta…non l’ho mai sentita nominare, sarà un brutto posto, ne sono certo”
La Valletta è una delle capitali più piccole d’Europa e del mondo, ma ha una vivacità ed un’esplosività che ti coinvolge e ti trascina in un vortice di emozioni ed esperienze uniche. La punta di diamante di un gioiello inestimabile.
Meritano una visita il forte Sant’Elmo, il Palazzo del Gran Maestro e la concattedrale di San Giovanni (austera fuori e ricchissima di opere d’arte all’interno), tra le altre cose.
La capitale va vissuta tra i suoi caratteristici vicoli che la caratterizzano ancora oggi.
La Valletta (o semplicemente Valletta come la chiamano lì) sorge su una piccola penisola e si affaccia su un immenso balcone naturale di fronte al quale sorgono le tre città (Vittoriosa, Senglea e Cospicua) che formano la cosiddetta “Cottonera”.

 

La Valletta è una cittadina dalle mille risorse che può offrire spunti fotografici e artistici in generale (molti i concerti vengono organizzati nell’antico anfiteatro) molto buoni e di un certo livello (ok, tranne i miei).
Piacevole viverla di sera, con le sole lampadine ad illuminare le viuzze che hanno ormai preso il posto dei più classici lampioni.

La vecchia capitale: Mdina
“Si ma mica ce sta solo la capitale?”
Certo che no! Ogni singolo borgo maltese ha le proprie peculiarità che lo rendono unico. Mdina, ad esempio, è una cittadina di qualche manciata di abitanti, ma, probabilmente, è il luogo che merita più attenzione di tutti.
La vecchia capitale è caratterizzata da numerose costruzioni in stile arabo e da altre tipicamente occidentali realizzate con la stessa pietra locale, il tutto pervaso da quel senso british (basti notare le tipiche cabine telefoniche rosse che spuntano di qua e di là per tutta Malta). Infatti Malta è stata una colonia inglese fino al 1964 e ha risentito, come la Gran Bretagna, degli effetti della Seconda guerra mondiale.
Mdina (Medina in italiano) viene soprannominata da alcuni come la “città del silenzio” ed in effetti questa affermazione non è del tutto errata se si riesce a trovare l’angolo giusto, lontano dagli occhi e dalle voci dei turisti.
Molto caratteristici sono i calessi che portano in giro i numerosissimi visitatori che affollano la cittadina.

 

Il villaggio dei pescatori: Marsaxlokk (pronuncia: Marsasclock, fidatevi, non ce l’avreste fatta da soli).

“Ahò è n’isola, ma er mare?”
Eccolo! Marsaxlokk è il villaggio dei pescatori per eccellenza. Qui si può trovare un magnifico mercato del pesce (e non) che attira tutti i turisti che approdano a Malta.
La caratteristica principale del villaggio è data sicuramente dalla vivacità dei colori delle barche dei pescatori, divenute ormai vere e proprie attrazioni.
Ottimi i ristoranti (anche italiani) che servono il lampuki, un tipico pesce locale.

 

La spiaggia: Golden Bay
“Ma mo ce lo famo er bagno?”
Il posto ideale per soddisfare questo tipo di richiesta è certamente Golden Bay, una delle poche spiagge su un’isola che ne è sprovvista, paradossalmente.
Come è facilmente intuibile il nome della spiaggia deriva dal colore dorato della sabbia.
La spiaggia è collocata in un’insenatura contenuta lateralmente da due sporgenze rocciose.

Il divertimento: Popeye village
Chi non ha mai sentito parlare di “Braccio di ferro”? Quanti di voi hanno visto il film del 1980 con Robin Williams protagonista (per la prima volta in assoluto)? Ecco ora sapete dove è stato girato.
Popeye village è un luogo unico, da sfruttare a pieno, magari in un’intera giornata, con i vostri figli o amici. Il villaggio è un luogo adatto sia a grandi che piccini…portatevi un costume da bagno, vi servirà!!!

 

Le altre isole: Gozo e Comino
Malta è composta principalmente da tre isole: Malta (dove si trova La Valletta), Gozo (con capitale Rabat) e Comino, un’isola praticamente disabitata.

Gozo
Gozo è la seconda isola per abitanti dell’arcipelago delle Isole Calipsee e ha come capoluogo Rabat (o Victoria in inglese).
Le attrazioni qui sono molte; le più note sono sicuramente l’Azure Window e la Cittadella sita a Rabat, un luogo unico che consiglio vivamente di visitare. Anche esso richiama a più sprazzi l’architettura araba.
Consiglio importante qualora decidiate di visitare l’Azure Window: non saliteci sopra come quelle ignare persone nella foto sottostante. C’è il rischio serio e concreto che questo splendido monumento naturale collassi su se stesso. Come vi sentireste se crollasse il Duomo di Milano?

 

Comino
“So venuto su un’isola e me so fatto solo un bagno, non mi basta”
Eccoci arrivati nel luogo giusto per vacanzieri e amanti del mare. Comino è un’isola praticamente disabitata dove attraccano tantissime navi cariche di turisti. Le acque sono esattamente come appaiono in foto, cristalline e pulitissime.

 

Consigli e curiosità

-La lingua: le lingue ufficiali sono il maltese (una lingua stranissima, un misto tra inglese, arabo ed italiano…pensate solo quale sia il risultato) e l’inglese. Circa il 70% della popolazione parla un buon italiano, testato.
-Come muoversi: pullman, pullman e pullman. Comodissimo, economico (ovunque tu voglia andare il costo della corsa non cambia) e veloce. Prendi una Tallinja card e la tua vita cambierà.
-La cucina: tutto sommato è buona (per i miei gusti): da provare il coniglio in umido, il lampuki già citato, gli ottimi pastizzi di ricotta o piselli, la qassatat e l’imqaret, un dolce con un soffice ripieno di datteri (prendetelo nel mercato di Marsaxlokk).
-Altri luoghi da visitare: Hagar Qim, Mosta, Marsascala, St.Paul’s Bay, Bugibba,Qormi, i giardini cinesi di Santa Lucia…
-Dove alloggiare: vi consiglio di non alloggiare a La Valletta se i prezzi sono molto alti, ma di prenotare nella zona di Sliema o Gezira. La capitale è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici e, se si è dotati di buone gambe, non è poi così lontana.
E la vita notturna??? Semplicemente St.Julian, una città non lontana da Sliema.
-Come raggiungere le isole di Gozo e Comino: il mio consiglio è quello di visitarle in gruppo con altre persone, in un tour organizzato (che di solito detesto) che qui è quasi d’obbligo. Per ovviare a questo “problema” si deve raggiungere il porto di Cirkewwa e lì imbarcarsi alla volta delle isole.
-Periodo consigliato: settembre\inizio ottobre o metà\fine primavera. Ho visitato Malta agli inizi di settembre e il caldo era asfissiante, soprattutto a Gozo (il bagno a Comino è stata una liberazione!). Sinceramente eviterei sia il periodo estivo per il troppo caldo e i troppi turisti, sia quello invernale per non deludere le aspettative di un bagno nelle acque cristalline che l’isola ha da offrire.

Malta è una meta tutto sommato economica ed è adatta per chi ha voglia di conoscere nuove culture e vedere qualcosa di diverso restando in Europa. Rappresenta anche una valida alternativa per chi voglia migliorare il proprio inglese ed è stufo delle solite mete.
Non è necessario il passaporto.

“Ahò, mannaggia a te e ste foto in bianco e nero!” Come avrete notato la maggior parte delle foto sono in bianco e in nero, ovvero il mio genere fotografico prediletto per motivi a me molto cari.

Ringrazio gli affettuosi amici romani per avermi “prestato” il loro meraviglioso dialetto.
Spero che sia stato un degno “ambasciatore” dell’esperienza che ho vissuto in quei giorni e che abbia invogliato qualcuno a visitare, o almeno ad informarsi, su questa piccola nazione che nasconde però infiniti tesori in tutto il territorio.
Perchè Malta? Perchè è il vero diverso vicino a noi.

Malta, an unforgettable experience!

F.M.

Comments

  1. Mi è venuta voglia di visitarla dalle tue parole, complimenti !! Non dimenticherò i tuoi consigli

Leave a Comment